Villa Senago

In corso di realizzazione, il progetto di riqualificazione di una villa esistente è conformemente dettato dalle necessità dei giovani committenti e vede coniugata la sostenibilità, anche energetica, dalla riqualificazione strutturale e impiantistica, connesse alla definizione dei layout interni dei tre piani dell’edificio, la cui nuova impostazione si è concentrata sull’attualizzazione della fruibilità degli spazi, che ha richiesto un totale stravolgimento della dislocazione delle destinazioni d’uso. Il piano padronale è composto da un unico locale open-space per la cucina minimale, la sala da pranzo e il living, uno spazio di relazione visivamente e funzionalmente ininterrotto e al lato opposto la camera da letto con il bagno privato e un bagno per gli ospiti. Dalla scala interna si accede al piano superiore dove sono ubicate le altre camere letto e il bagno, distribuiti lungo un corridoio lineare che funge anche da nucleo di distribuzione per il sistema di condizionamento e una grande terrazza, mentre al piano seminterrato sono posizionati tutti i locali di servizio.
Dal punto di vista cromatico e della scelta di materiali e finiture, il progetto ha scelto un linguaggio minimale basato sul contrasto tra superfici chiare ed elementi d’arredo in contrasto. Il progetto complessivo coinvolge anche le facciate esterne dell’edificio, con la rimodulazione degli affacci, la copertura, le recinzioni, le pavimentazioni esterne, l’illuminazione del giardino per creare una continuità fra interno ed esterno.

L’esigenza di definire un layout interno con il proposito di utilizzare gli arredi e le attrezzature d’ufficio già operative in uno studio più ampio in fase di dismissione, ha fatto da matrice alle scelte progettuali.

Partendo da un rilievo e da una catalogazione puntuale dei componenti di studio da collocare nel nuovo spazio, si è proceduto alla definizione degli ambienti con l’inserimento diretto degli arredi esistenti, posizionando le partizioni interne e i nuovi impianti tecnologici in funzione dei componenti d’arredo.

La scelta delle finiture per pavimenti, pareti e controsoffitti, unita a un’illuminazione innovativa, hanno perseguito un unitario concept progettuale che dalla fase delle idee si è definita nella fase esecutiva.